Blog


Decalogo per leggere i Silent Books

 

Ecco alcuni suggerimenti per leggere i libri senza parole con un gruppo di persone che non parlano la stessa lingua.
I libri senza parole sono uno strumento eccellente per condividere esperienze, per uscire dalla dinamica della lezione in cui “chi sa” insegna a “chi non sa”, per entrare in relazione con l’altro e partire insieme per un viaggio.

 

1. Scegli o crea uno spazio tranquillo. Metti i libri a portata di mano. Comincia con un piccolo gruppo (1-3 persone). Il gruppo potrebbe crescere, accogli chiunque con un sorriso. Se lavori con i piccoli, assicurati, prima di iniziare leggere, che gli adulti siano nei paraggi, possano seguire le attività e approvino la lettura.

2. Incoraggia i presenti a tenere i libri tra le mani, a guardarli insieme, a sfogliarli, ad avvicinarsi.

3. Ascolta il silenzio. Godi dell’assenza delle parole. Assicurati che tutti siano pronti a iniziare questo viaggio. Usa il tuo corpo per comunicare: sorridi, gesticola, mima…

4. Inizia. Sfoglia e ascolta con calma il silenzio e le reazioni di chi ascolta. Indica le cose importanti, partecipa alla storia e fai partecipare gli altri.

5. Rimani in ascolto di ciò che accade, registra i movimenti e le emozioni di chi partecipa alla lettura. Controlla che tutti siano ancora interessati. Se, per qualche motivo, nessuno ti ha seguito, fatti coraggio e cambia libro.

6. Interpreta. Immagina. Coinvolgi. Reagisci. Comunica senza le parole. Prova a non parlare. Puoi ricominciare da capo ogni volta che lo ritieni necessario.

7. Mostra le illustrazioni a tutti i presenti, passa il libro a chi ha bisogno di guardare da vicino, aspetta e ascolta. Fai in modo che ogni reazione sia bene accolta, senza giudizio.

8. Usa, se la storia lo permette , suoni ritmici, battiti di mani. Se ci riesci ripeti uno stesso ritmo ad ogni passaggio del libro. Se inizia un gioco tra te e chi ascolta, seguilo.

9. A conclusione della storia chiudi il libro. Siamo alla fine di questo viaggio, congedati dai tuoi compagni di avventura. Ringraziali per esserti stati accanto. Ora avete qualcosa in comune, siete stati nello stesso luogo.

10. Sentiti fortunato: hai incontrato persone che hanno viaggiato da molto lontano per essere qui e ora con te. Così, lontani da casa, loro si ricorderanno di te e della storia che hai portato, come tu ti ricorderai di loro.

a cura di Mariella Bertelli e Deborah Soria (2017)

in collaborazione con lo Scaffale d’arte del Palazzo delle Esposizioni e i Servizi educativi-Laboratorio d’arte del Palazzo delle Esposizioni

 

Tips on Reading Silent Books with people speaking different languages

Wordless picture books provide the perfect tool for sharing an experience on an equal footing: two or more people looking at a book, each one interpreting the pages in their own way. Turning the pages of a wordless picture book is a way to engage together outside of the teacher-learner mode, a reading activity outside of age and intellectual barrier, a way to start a journey together.

  1. Look for a quiet space, have 1-5 books available that have been preselected. Start with a small group 1-3. The group could grow if there are others that want to join in. Welcome anyone with a smile.
  2. Encourage anyone in the group to hold the books, to look at them, turning the pages casually not necessarily in sequence.
  3. Listen to the silence. Enjoy the absence of words. Be sure that those sitting next to you are ready to begin. Use your body to communicate, smiling, moving your hands, your head, miming, using the voice…
  4. Start slowly turning the page, listening to the silence and the reactions of those who are listening. Point to the important parts of the story and welcome the others to participate.
  5. Listen attentively registering the movements and the emotions of those who are gathered around the book. Check that everyone is engaged in the reading. If no one is interested, pick up another book and start again.
  6. Interpret. Imagine. Involve. React. Communicate without words, try not to use your voice. You can start from the beginning as many times as is needed.
  7. Show the illustrations to all, hand over the book to those who need to see it up close. Wait and listen. Make sure to welcome any reactions, without judgement.
  8. If the story allows it, use rhythm, clapping hands or creating a beat with your head or your foot…you can try to use the same rhythm at each turn of the page. If it turns into a game between you and the others, go with it.
  9. At the end of the story, close the book. You are at the end of this journey, time to say goodbye to those who traveled on this adventure with you. Thank them for having participated. Now you have something in common, you have been somewhere together.
  10. Feel lucky that you have met people who have traveled from far away and who are now here with you. So far away from their home, they will remember you and the story you have brought them and you will remember them.

By Mariella Bertelli, IBBY Canada, and Deborah Soria, IBBY Italia (2017)

(Illustrazione di Cecilia Campironi)


Deborah Soria

Libraia per ragazzi e ragazze; attivista di IBBY Italia; responsabile del Progetto Biblioteca IBBY di Lampedusa; esperta di letteratura ed editoria italiana e internazionale per l'infanzia. Co-proprietaria delle Librerie Ottimomassimo. Preoccupata per il futuro delle persone piccole e grandi.


Condividi

Ti potrebbe interessare anche

Compiti per le vacanze


18 Luglio 2019

Al mercato


4 Luglio 2019
Sostieni IBBY Italia!
Fai una donazione
Consiglia agli amici
Condividi sui tuoi social