Blog


Un viaggio chiamato casa

Allan Stratton

Un viaggio chiamato casa

Mondadori

Tanto è già stato detto e scritto sui temi della famiglia e sulle difficoltà nelle relazioni umane e intergenerazionali. Soggetti ampiamente esplorati e raccontati in numerosi straordinari romanzi. Se vi sono piaciuti, “Oh, Boy!” di Marie-Aude Murail, “La grande Gilly Hopkins” di Katherine Paterson, “Hotel grande A” di Sjoerd Kuyper, “Annalilla” di Matteo Corradini, leggete “Un viaggio chiamato casa”.
L’autore affronta questi temi, costruendo una trama ricca di questioni, argomenti e sfumature.
Al centro l’adolescente Zoe, studentessa delle superiori, in continua lotta con i genitori, sottomessa da una prepotente cugina e spalleggiata dalla Nonna, che lentamente sta perdendo la memoria e, per questo, il figlio minore è costretto a mandarla in una casa di riposo.
Vecchiaia, malattia, morte vengono tessuti insieme a identità di genere, povertà sociale, bullismo e violenza, in un plot che condurrà le due protagoniste a fuggire verso la ricerca di uno zio creduto morto e di un passato, che potrebbe contribuire alla soluzione di infinite incomprensioni.
Ancora una volta emerge il tema dell’incomunicabilità, anche nei confronti delle persone che si amano di più. Una donna che ha chiuso i ponti con il figlio maggiore; una coppia che, soffocata dagli ostacoli economici, non riesce più ad ascoltare la propria figlia; una ragazza che vuole solo il bene della nonna, senza percepire tutte le difficoltà legate alla demenza senile e all’Alzheimer.
È bello poter ritornare su temi già trattati: riascoltarli, rileggerli, attraversarli con parole, trame e voci nuove.
Allan Stratton, scrittore canadese pluripremiato, tradotto in tutto il mondo, è presente nello scaffale italiano anche con “La casa dei cani fantasma” (Mondadori) e “Il segreto di Chanda” (Sinnos).


David Tolin

Formatosi presso l'Accademia Drosselemeir di Bologna, ha lavorato per anni presso la "Giannino Stoppani Cooperativa Culturale".
Nel 2010 fonda a Padova la libreria specializzata per ragazzi "Pel di carota". Rappresentante dell'Associazione Librerie Indipendenti per Ragazzi (ALIR). E' socio e componente del Direttivo di IBBY Italia.


Condividi

Ti potrebbe interessare anche

Inseparabili


11 luglio 2018
Sostieni IBBY Italia!
Fai una donazione
Consiglia agli amici
Condividi sui tuoi social